una fusione di linguaggi

Il progetto

MasNada è l’opera inedita nata dalla collaborazione tra l’Orchestra Senzaspine e la compagnia MagdaClan circo.

Lo spettacolo, per la regia di Alessandro Maida, le composizioni e la direzione di Tommaso Ussardi, intreccia in modo inedito il linguaggio della musica sinfonica con quello del nuovo circo. Il progetto prevede anche l’unione delle equipe dietro le quinte, dalla produzione alla comunicazione, e un reciproco percorso formativo rivolto ai musicisti e ai circensi che indosseranno gli uni i panni degli altri, creando una vera mescolanza tra le arti.

 

Come è nata l'opera

“Alessandro tu devi conoscere Tommaso”.
“Tommaso tu devi conoscere Alessandro”.

Il progetto nasce così, dall’intuizione (forse più una fissa) di Annalisa di far conoscere due geni artistici, sviluppatosi poi per gioco nella serata “Sinfonia Circense” diventato oggi un progetto a dir poco colossale.

La prima volta che i giovani musicisti dell’Orchestra Senzaspine hanno lavorato con i MagdaClan fu nel luglio 2017, sotto il tendone del MagdaClan montato al parco di Villa Angeletti a Bologna. Dopo il successo della serata si è voluto continuare a lavorare insieme: si sono unite le forze progettuali e artistiche delle due realtà e si sono trovati i finanziamenti per realizzare un’opera in prima assoluta con composizioni originali e uno studio approfondito e di ricerca per intrecciare i linguaggi e i pubblici dei due mondi artistici del classico e del circo contemporaneo.

Acrobati alle prese con la musica...

Il Cuore

Il cuore centrale del progetto è il percorso formativo dell’equipe artistica.

Prima dell’opera è previsto un momento di scambio tra i linguaggi e le maestranze: il compositore Tommaso Ussardi insieme al direttore d’orchestra Matteo Parmeggiani effettueranno un corso di alfabetizzazione musicale ai circensi approfondendo discorsi come lettura ritmica, coralità, interpretazione del gesto del direttore mentre Alessandro Maida terrà un corso di formazione alle 14 prime parti dell’orchestra su presenza scenica, gestione dello spazio, mimica e manipolazione di oggetti.

Questi percorsi formativi amplieranno la capacità degli artisti coinvolti di cambiare veste indossando i panni “dell’altro” creando una vera mescolanza artistica, un vero contatto tra mondi distanti, questo il valore aggiunto più significativo di MasNada.

Si puo’ danzare uno strumento? Si puo’ suonare un corpo? Queste sono due delle domande alla base delle creazione artistica.

L'Anima

La comunicazione di MasNada sarà in un legame strettissimo con la creazione dell’opera stessa e sarà contaminata di corpi e musica, fondendo musica classica e circo, musica e corpi, movimento e note, in un costante gioco e interazione nel dualismo. 

Nel processo creativo dell’opera è stato coinvolto Andrea Niccolai, illustratore che lavora da anni sia per il mondo del circo contemporaneo che per l’Orchestra Senzaspine.

 

Locandina Masnada - Armonie Nomadi - Orchestra Senzaspine - Magdaclan Circo

Ci vogliamo scrivere qualcosa?

insoliti luoghi di creazione

MasNada è l’incontro di due linguaggi, un ponte tra la musica classica e il circo contemporaneo.
E dato che al caso non ci crediamo, l’incontro dell’equipe artistica vedrà al suo centro proprio un ponte reale, quello di San Donato a Bologna.
 
Da una lato il Mercato Sonato – casa della musica e luogo rigenerato dall’Orchestra Senzaspine –  ospiterà le prove dello spettacolo nel mese di gennaio, e dall’altra parte, il Centro Beltrame, sarà la casa dei circensi accogliendo, nel proprio giardino, i camper e le roulotte – ovvero le case su ruote dei MagdaClan. 
Il Centro Beltrame è una struttura che svolge attività di accoglienza e assistenza rivolte a persone sprovvisti di altre possibilità abitative che si trovano in condizione di grave disagio sociale.
 
I circensi, finite le prove con i musicisti, condivideranno tempo e spazi, docce e lavanderia, cene e partite a biliardino con gli ospiti del Centro Beltrame in un incontro che vale tanto quanto un teatro pieno…portando un plus valore all’intero progetto.
 
La potenza della creazione artistica di MasNada non solo connette e valorizza due luoghi importantissimi per la città di Bologna, ma esce dallo chapiteau e dal teatro e arriva tra la gente.
MasNada nella sua idea è una congiunzione di due mondi, una “e”, una lettera che è un ponte tra le diverse parole e i molteplici discorsi, la quinta lettera dell’alfabeto;
MasNada in un numero è il 5, come le linee del pentagramma, 5 come la data scelta per la prima.
MasNada nella sua forma è l’incontro tra il mondo musica classica e circo contemporaneo e si realizza tra una parte all’altra di un ponte…reale.
 

In questi tempi bui di politica internazionale, di quotidiana paura, dove si innalzano barriere e muri dal micro al macro, l’arte non può rimanere immobile e indifferente, deve costruire ponti e non barriere.

Ce la mettiamo tutta.

News da dietro le quinte

Come nasce uno spettacolo​

Sono iniziate le prove!

Bologna, 14 gennaio 2019: é cominciata la parte intensa di prove per “MasNada – Armonie Nomadi” lo spettacolo, per la regia di Alessandro Maida (MagdaClan), le composizioni e la

Leggi tutto »

L’intervista a Ale Maida

Hanno fatto tre domande a Alessandro Maida. La redazione di THE FESTIVAL’S BACKPACK – FESTIVALS LOVERS ha fatto tre domande ad Alessandro Maida, il regista di

Leggi tutto »